Consulto medico online

Una caratteristica degli italiani è proprio quella di fare tutto all’ultimo momento, prendere tempo su qualsiasi scadenza per poi trovarsi a pretendere una soluzione rapida e sicura. È per questo che gli italiani amano il consulto medico online, poiché è in quel preciso momento che si desidera la risposta di un professionista.
E si ottiene.

Allora perché stare dietro agli orari di ricevimento dei medici?

Al fatto che chiudono bottega a partire dai giorni prefestivi (assurdità), non rispondono al telefono tutto come se i pazienti dovessero stare male “a ore”. Il consulto medico online toglie tante seccature a noi “poveri” pazienti e tali servizi sono spesso gratuiti e sempre sostenuti da professionisti medici e farmacisti.

Droni a favore del Bio

Arrivano nuove soluzioni tecnologiche per monitorare e intervenire nel settore delle coltivazioni, la nuova rivoluzione degli aeromobili a pilotaggio economico, comunemente chiamati droni.

Agrodron è il primo drone contadino, realizzato grazie al lavoro di due aziende italiane: la Italdron di Ravenna che ha messo a disposizione il drone, e la Andron Technology di Udine, che si è occupata delle applicazioni del drone nell’agricoltura.

Si tratta di un drone radiocomandato, dotato di autopilota e gps, in grado di trasportare un kit spargitore, un Andron Technology, utilizzato ad esempio nella lotta biologica ai parassiti, per spargere sui campi di mais delle piccole capsule di cellulosa contenenti le uova di Trichogramma Brassicae, antagonista della piralide del mais.

E’ stata Beta Italia azienda in provincia di Ferrara, che ha realizzato una dimostrazione pratica di questa tecnica a Sant’Angelo Lodigiano, contrastando appunto il proliferare del fitofago, attravero il Trichogramma Brassicae.

Rappresentano quindi un prezioso aiuto per gli agricoltori, in quanto in grado di sorvolare e controllare l’area, sganciando capsule in cellulosa biodegradabile contenenti femmine di Trichogramma.
Questo drone può essere inoltre usato per mappature e monitoraggi di alta precisione, portando attrezzature di rilevamento o altri prodotti per l’agricoltura.
Si ritiene che Agrodron sarà in grado di sostituire i trattori, riducendo a zero gli impatti a danno delle colture e dell’ambientale, annullando le problematiche relative alla compressione e calpestamento del suolo.

Il successo di questi droni è legato anche ai costi e tempi operativi, inferiori a quelli delle macchine tradizionali.

In Giappone vengono attualmente utilizzati circa 200 apparecchi per le attività di spraying sulle risaie.

Il settore in cui i droni stanno passando alla fase di sviluppo tecnologico, è il precision farming, ossia l’agricoltura di precisione, di notevole importanza per il comparto agricolo per l’economia del nostro Paese, e per la semplicità di utilizzo in quelle aree agricole considerate non critiche in quanto disabitate o prive di infrastrutture.

E’ possibile coniugare agricoltura bio e nuove tecnologie grazie alla tecnica che si unisce all’esperienza maturata sul campo, da parte di quegli agricoltori che si prendono cura delle proprie colture non necessitando di pesticidi e sostanze chimiche di vario genere.

http://www.dronionline.net/

I semi del benessere

Locavori, flexitariani, vegetariani, vegani, crudisti, fruttaliani e via dicendo, stanno portando a nuovi stili di alimentazione, dettati da scelte personali piuttosto che rinunce vere e proprie, non sempre o non solo per motivi etici, ma spesso e volentieri per fattori legati alla salute e alla prevenzione.

E’ diventata una moda o semplicemente stiamo imparando a prenderci cura di noi stessi, operando scelte più consapevoli?

Siamo sempre più interessati e attenti ai prodotti al 100% naturali, OGM free, al rispetto della dignità degli animali, ed a tutta quella serie di controlli e garanzie previsti per legge, in quanto anche la medicina ha oggi assodato che un’alimentazione inadeguata, incide direttamente e negativamente sul benessere psico-fisico dell’organismo, generando alle volte l’insorgenza di alcune malattie.

Quando parliamo di proprietà nutritive e alimenti biologici, non possiamo di certo dimenticarci dei semi della salute, ricchi di proteine, fibre vegetali e acidi grassi essenziali.

Impariamo a conoscerli.

Partiamo dai semi di girasole, contenenti un alto quantitativo di fibre vegetali, ed una serie di sostanze benefiche per il nostro organismo, tra cui gli acidi oleico e linoleico, ferro, magnesio, zinco, selenio, triptofano e moltissime vitamine del gruppo E e del gruppo B.

Sono ottimi antiossidanti e antinfiammatori naturali, aiutano ad abbassare i livelli di colesterolo e mantengono in salute il cuore; sono inoltre ricchi di magnesio e rame, ottimi alleati per la salute delle ossa.

Aiutano a prevenire tumori, grazie al selenio in grado di distruggere le cellule cancerogene, e attraverso il triptofano, amminoacido che serve a produrre serotonina e il magnesio, riescono a calmare ansie, tensioni e mal di testa.

Passiamo ai semi di lino, fonte preziosa di acidi grassi omega 3, ricchi di proteine, vitamine del gruppo b, e sali minerali, fosforo, magnesio, rame, manganese, in grado di proteggere l’organismo, prevenendo malattie a carico dell’apparato circolatorio, utili nel trattamento di alcune patologie come ad esempio l’ipertensione.

Migliorano inoltre le capacità digestive, ed il loro consumo è fortemente consigliato in gravidanza, ma anche per prevenire una serie di patologie legate alle ossa e al cuore.

Assunti regolarmente, rappresentano un valido aiuto contro la stitichezza e la cistite, rafforzano il sistema immunitario e contribuiscono alla depurazione dell’organismo.

Anche i semi di zucca, nonostante le loro piccole dimensioni, contengono numerose proprietà benefiche.

L’ elevato contenuto di triptofano, ci consente di godere di un buon riposo nelle ore notturne; il magnesio regala al nostro organismo una sensazione di relax; lo zinco ha un’azione protettiva della prostata, oltre a rivelarsi utile per le donne in gravidanza e per coloro che desiderano tenere sotto controllo il colesterolo.

Sono considerati una vera e propria fonte di ferro, utili anche per contrastare cali di energia lungo il corso della giornata. E’ un antinfiammatorio naturale che può rivelarsi utile anche per combattere irritazioni e gonfiori, senza incorrere negli effetti collaterali dei medicinali.

I fitosteroli inoltre contribuiscono ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, mentre le fibre assicurano il benessere intestinale.

Terminiamo con i semi di canapa un alimento completo dal punto di vista proteico, contengono 8 aminoacidi, leucina, isoleucina, fenilanina, lisina, metionina, treonina, triptofano e valina, che contribuiscono al rafforzamento del sistema immunitario; sono inoltre considerati un alimento adatto alla prevenzione di colesterolo alto, asma, sinusite, artrosi, tracheite e malattie legate all’apparato cardiocircolatorio, alleati dei muscoli e del sistema nervoso.

Gli omega3 e gli omega6 presenti in questi semi sono utili per la regolazione delle attività metaboliche dell’organismo.

Io sono Bio

Ma cosa si intende realmente quando parliamo di alimentazione Bio?

L’alimentazione biologica sta per agricoltura biologica, ossia un’agricoltura che anziché utilizzare fertilizzanti chimici, pesticidi, fitofarmaci, ecc, opta per concimi completamente organici, senza per questo sfruttare le risorse naturali in modo indiscriminato, bensì favorendo le risorse rinnovabili.

C’è una forte contrapposizione tra i prodotti di ieri e quelli industriali di oggi, basti pensare che se un tempo l’unico concime era di origine naturale, lo sterco del bestiame, oggi le coltivazioni essendo prettamente intensive, prevedono monocolture con un uso massiccio di fertilizzanti chimiche; ne consegue un impoverimento del terreno e un intervento di tipo chimico, attraverso i fitofarmaci di sintesi.

L’agricoltore biologico si oppone a tutto ciò introducendo nelle colture ciò che già è presente in natura, sotto forma di derivati naturali, ma anche di insetti che predano i parassiti delle piante.

Stesso discorso per quel che riguarda l’allevamento di tipo biologico.

Divieto assoluto ai mangimi chimici, ormoni, antibiotici, a quegli spazi angusti e ristretti, in cui gli animali vengono ridotti all’immobilità e nutriti a forza con specifiche sostanze pensate appositamente per accrescere la loro massa nel minor tempo possibile. Diversamente da un allevamento intensivo, in quello biologico, gli animali vengono nutriti con quegli stessi alimenti di cui si nutrirebbero se allo stato brado; si punta al loro benessere, assicurando loro una vita più dignitosa, senza l’ausilio di sostanze tossiche.

Un prodotto biologico, assicura al consumatore, la certezza di un prodotto finale di qualità, sia in termini di sicurezza, sia in termini di maggiori elementi nutritivi, vitamine e sali minerali, a favore della genuinità.

Le normative presenti in materia di certificazione bio, sono molto severe, e prevedono una serie di controlli operati da enti autorizzati, per verificare la qualità del prodotto e in caso positivo, questo verrà contraddistinto con appositi loghi per favorirne il riconoscimento, un’etichetta specifica che si aggiunge a quella normale, prevista dalla legge.

L’allevamento biologico rispetta l’ambiente e gli animali, oltre che naturalmente il consumatore finale, sottostando al Regolamento CE 1804/99, convertito in decreto ministeriale nel 2000, contenente specifiche norme stabilite dall’Unione Europea.